Come funziona la condizione Stato del consenso aggiornato?

La condizione Stato del consenso aggiornato ti consente di effettuare azioni automatiche in base a se i contatti forniscono o revocano il loro consenso al trattamento dei dati personali. Questa condizione ti aiuta a mantenere la conformità al GDPR e ad altre normative sul trattamento dei dati.

La condizione Stato del consenso aggiornato presenta un connettore “se sì” (verde) e uno “se no” (rosso). I contatti procederanno lungo il percorso positivo se il loro stato del consenso cambia. Se invece lo stato del consenso non cambia, seguiranno il percorso negativo.

Nota: se usi Stato del consenso aggiornato come elemento iniziale, collega l’elemento successivo solo al connettore “se sì“. Solo i contatti che hanno modificato il loro consenso possono “entrare” in questo elemento all’inizio del workflow. Il connettore “se no” non innesca alcuna azione.

Puoi usare questo elemento all’inizio del workflow o in qualsiasi momento in cui devi prendere una decisione in base allo stato del consenso.

Questa condizione ti permette di segmentare automaticamente i contatti e assicurarti che coloro che hanno fornito il loro consenso sono inclusi nei tuoi messaggi. Puoi anche usarla per eliminare o spostare dalla tua lista i contatti che hanno revocato il loro consenso.

La condizione monitora soltanto le modifiche allo stato del consenso dei contatti esistenti e non viene attivata per le persone che forniscono il loro consenso durante l’iscrizione. Se desideri monitorare il consenso dei nuovi iscritti, ti consigliamo di usare il template di automatizzazione chiamato Messaggio di benvenuto basato su consenso.

Affinché la condizione funzioni, dovrai:

Come faccio a impostare la condizione “Stato del consenso aggiornato”?

Per impostare la condizione:

  1. Trascina e rilascia l’elemento Stato del consenso aggiornato nel riquadro di lavoro.
  2. Clicca sull’elemento o seleziona la scheda Proprietà per configurarlo.
  3. Espandi l’elenco a discesa e seleziona se desideri monitorare i consensi forniti o revocati.
  4. Seleziona il Campo del consenso che vuoi monitorare dall’elenco a discesa.
  5. Seleziona la lista di cui vuoi monitorare le modifiche del consenso. Puoi monitorare le modifiche del consenso per qualsiasi lista o per una lista specifica.
  6. (Facoltativo) Imposta la condizione su Ricorrente in modo tale che venga eseguita più volte.
  7. (Facoltativo) Seleziona Includi i contatti che hanno soddisfatto questa condizione prima che il workflow inizi.
  8. Seleziona le impostazioni temporali in cui presumere che la condizione non sia stata soddisfatta. Passato questo periodo, presumeremo che il contatto non abbia soddisfatto la condizione e lo indirizzeremo verso il percorso negativo. Se la condizione è un elemento iniziale, impostala su Mai.

Come faccio a modificare il consenso per far funzionare la condizione?

Solo gli iscritti possono modificare il loro stato del consenso. Per farlo, dovranno cliccare su un link nel footer del tuo messaggio in cui è indicato modifica i tuoi recapiti. Dopo che avranno modificato lo stato del consenso in queste impostazioni, la condizione si attiverà.

Posso innescare un workflow in base al consenso che i miei contatti hanno già fornito o revocato?

Di default, la condizione Stato del consenso aggiornato attende che i contatti modificano il proprio stato del consenso prima di innescare il workflow. Essa funziona solo per i contatti che modificano il proprio consenso dopo che il workflow è iniziato.

Per innescare il workflow per i contatti in base al loro stato del consenso attuale, seleziona Includi i contatti che hanno soddisfatto questa condizione prima che il workflow inizi.

Questa opzione funziona:

  • Solo per gli elementi iniziali. La condizione Stato del consenso aggiornato aggiunge i contatti con un determinato stato del consenso solo se viene utilizzata all’inizio del workflow.
  • Solo una volta per quell’elemento.